Articoli

8 MARZO con Amka: TUTTE IN PAGNE!

scritto da Arianna di Privalia (10 marzo 2010)

8 Marzo…è festa anche in Congo!

Niente mimosa, ma un turbinio di stoffe colorate per ricordare a tutti la Giornata Internazionale della Donna.

Dai primi di marzo i negozi di stoffe sono letteralmente presi d’assalto, le donne danno fondo ai loro risparmi pur di comprare un “pagne” (un pezzo di stoffa dai mille colori) e poter così sfilare in occasione dell’8 marzo. Perché portare il pagne, considerato l’abito tradizionale africano, proprio il giorno in cui si afferma la parità della donna? Perché è il giorno in cui si celebra la femminilità, in cui la donna è protagonista indiscussa e si mostra nelle sue vesti migliori, è il giorno in cui si lasciano da parte i lavori nei campi e le mille altre incombenze, è il giorno in cui la bellezza femminile sboccia ad ogni angolo ma senza mai scadere nell’eccesso o nella volgarità. Alla radio in questo mese dedicato alle donne i discorsi sul tema si susseguono, ma il nodo centrale è: cosa vuol dire parità? Esser uguale all’uomo NON significa perdere la propria identità MA si tratta di recuperarla per  affermarla a gran voce. Il tema proposto a livello nazionale è la centralità della donna nel processo di sviluppo e affermazione a gran voce dei diritti umani... partendo dalla base: l’educazione delle bambine!

Con l’aiuto di due maestre durante tutto il mese di febbraio abbiamo lavorato con le fanciulle della scuola per informarle sull’importanza degli studi e sui temi legati all’educazione alla vita  sulla promozione della donna per costruire un  futuro migliore.

AMKA ha organizzato una grande festa a Kaniaka: tutte le bambine e le ragazze della scuola con le loro mamme si sono vestite con i  pagne, una moltitudine di colori ha invaso il cortile della scuola e… all’arrivo dell’equipe AMKA si è dato il via allo spettacolo ….perché l’8 marzo non è solo portare il pagne ma è promozione della donna per un futuro migliore e questo in ogni angolo del mondo: a Kaniaka come a Lubumbashi, a Roma come a Milano.

Convidi questo articolo

L'Autore
Arianna di Privalia

Arianna di Privalia

E voi, cosa ne pensate?