Articoli

ADELE – ROLLING IN THE DEEP

scritto da Arianna di Privalia (24 Gennaio 2011)

Cliccando play sul video che trovate in basso e ascoltando la canzone che vi propongo oggi vi aspettereste che l’enorme padronanza di una voce blues potente come quella che sentite appartengano a una qualche artista di colore con almeno 30 anni di esperienza sui palcoscenici internazionali. Niente di più sbagliato.

cantante soul

Se state guardando il video, vedrete invece che tali note provengono da una giovane ragazza di 21 anni, britannica, sulla bocca di tutti dal 2008 appunto, per le sue capacità interpretative ad una così giovane età. Stiamo parlando di Adele Laurie Blue Adkins, meglio nota come Adele e della sua ultima incredibile hit “Rolling in the deep”. La giovanissima artista londinese non ha mai fatto segreto di essersi innamorata sin da piccola dell’espressività di artiste black come Etta James o Ella Fitzgerald, e non dobbiamo meravigliarci se appunto la sua interpretazione ci riporta alla mente quelle meravigliose atmosfere soul e gospel.

Famosa per la hit mondiale Chasing Pavements del 2008, Adele ha pubblicato in questo gennaio 2011 il suo secondo album che continua la tradizione di avere per titolo semplicemente la sua età: il primo, nel 2009 si chiamava solamente 18, questo invece si chiama 21, ed è – tanto per dire un dato – già al numero due della classifica degli album più venduti di iTunes. Ad una analisi più approfondita notiamo che la canzone mescola sapientemente un pianoforte struggente, delle backing vocals emotive e un beat marziale creando un melange di toni cupi su cui la sua voce esplosiva e che non perdona sovrasta – esattamente i sentimenti di vendetta e fine di una storia che vuole appunto cantare. Senza svendersi troppo al pop ma riuscendo comunque a conquistare la fetta di pubblico che l’ha portata ovunque in classifica, Adele questo lunedì ci accompagna in un viaggio moderno verso l’essenza e le radici della black music.

Convidi questo articolo

L'Autore
Arianna di Privalia

Arianna di Privalia

E voi, cosa ne pensate?