Articoli

Diario di bordo#1: Bastano 580 kilometri

scritto da Arianna di Privalia (29 ottobre 2010)

Benvenuti alla prima  puntata dell’esperienza che JM ha vissuto in Congo con AMKA. Questo Diario di bordo è una rccolta di pensieri, emozioni e dati per facri capire meglio la sfida di chi, ogni giorno, combatte per un mondo migliore.

…Una storia a lieto fine C’era una volta un re… no, in questo caso non è una favola!

Succede che un venerdì di aprile mi ritrovo incastrata nel sedile posteriore dell’auto di un collega, tra una collega e il grande capo: Josè Manuel Villanueva, per gli amici JM (pronuncia: ota emme!)

Vi dico solo: ROMA-MILANO, venerdì sera sulla A1, a bordo di una fiat bravo  in …. 5 comode persone dalla altezza minima di 1,80 metri!

Tra un pit-stop all’auto grill e un paio di risate JM ci chiede: “Ma Amka… cos’è?”.

E’ da qui che la storia ha inizio, è così che comincia il racconto del giovane socio co-fondatore di Privalia .

Un fiume di parole e di entusiasmo ci ha portato a parlare di Gift to Give, Keniaka, scuole da costruire e bambini da coccolare ed istruire, mamme da aiutare e tanti progetti da sostenere…e ci ha intrattenuto per le successive lunghe ore di viaggio nel traffico dell’ A1 di un venerdì sera qualunque…

Dopo quest ‘avvincente racconto durato circa 580 km JM ha avuto quella che si dice “una vera e proprio folgorazione”, come San Paolo sulla via di Damasco, ha esclamato “ E se andassi in Congo a seguire il progetto?”

Ebbene sì! o siamo stati molto bravi noi a raccontare Amka o è molto veloce il nostro JM, fatto sta che nel giro di pochissimi giorni, il grande capo ha riorganizzato la fitta agenda, ha interattivamente affrontato il duro corso per i volontari Amka, ha prenotato un biglietto aereo e, senza dire nulla a nessuno, è partito per  vedere con i suoi occhi cosa succede laggiù.

E fu così che JM partì.

E noi ovviamente  vogliamo i dettagli, le foto, i colori e i profumi  di questa bella avventura:

Vi dirò la verità: è stato molto difficile convincerlo a raccontarci le sue impressioni, JM è un tipo molto molto generoso tanto quanto timido, timidissimo e molto riservato…

Ma raccontare la sua esperienza a tutti noi Privali@s e a tutti voi amici e soci di Privalia è un’occasione per condividere un  messaggio positivo e la conferma che i nostri regali solidali sono arrivati laggiù nei villaggi in cui Amka opera, che i volontari che sosteniamo sono operativi e decisi!

Grazie a tutti voi per aver partecipato alle campagne Gift to Give!

Convidi questo articolo

L'Autore
Arianna di Privalia

Arianna di Privalia

E voi, cosa ne pensate?