Articoli

BRITNEY SPEARS – I WANNA GO

scritto da Privalia (11 luglio 2011)

Questo che vi presento oggi è il caso più unico che raro di una canzone che posso dire di aver sentito almeno una volta al giorno, dal giorno della sua pubblicazione, svariati mesi fa. E’ il terzo singolo estratto dal settimo album (Femme Fatale) di una sempre presente Britney Spears, che torna prepotentemente sulle scene per lasciarci un brano che è destinato ad essere ballato per tutte le sere dell’estate che sta arrivando.

I wanna Go, questo il titolo del brano, è un brano che ha in sè tutte le caratteristiche necessarie a renderlo non tanto una pietra miliare nella storia della musica, quanto una hit del pop degli anni 2000 destinata a far capire a molte cantanti che seguiranno quale sarà la strada da seguire. Attingendo a piene mani dal repertorio del produttore Max Martin (che per Britney scrisse l’altra meravigliosa e neanche tanto criptica perla If U Seek Amy, e strizzando l’occhio ad altre sue hit recenti come What the hell di Avril Lavigne, Raise your glass di P!nk e Last Friday Night di Katy Perry) Britney canta una canzone dove la trasformazione elettronica della voce diventa la protagonista, cambiando completamente le carte in tavola – se finora era sempre stata criticata per il troppo uso di vocoder e autotune nei suoi brani che l’avevano completamente “snaturata” come cantante rendendola più che altro una “entertainer”, Britney sceglie di cantare un brano dove la modulazione vocale è completamente inesistente, la voce robotica si mescola ad un beat potentissimo di quelli che restano in testa, e l’ennesima trovata geniale sta nell’inserire un fischiettio a mò di catchphrase che rende la canzone riconoscibile da lontano e che i più bravi sapranno replicare canticchiandola. Britney è tante cose, ed è tanto amata quanto criticata, ma davanti a un successo del genere costruire critiche si rivela soltanto una perdita di tempo, che potrebbe essere decisamente meglio impiegato ballando una canzone originale come poche ce ne sono nel fotocopiato mondo del pop.

N!ck

Convidi questo articolo

L'Autore
Privalia

Privalia

E voi, cosa ne pensate?