Articoli

Cucinare con il tacco 12: i colori della curcuma

scritto da Privalia (26 maggio 2011)

Eccoci che torniamo a parlare di cucina con una nuova e simpaticissima blogger. Il suo nome è Mai Esteve ed è venuta a Milano direttamente dalla Catalunia. Il suo blog, I colori della curcuma, è un ottimo quaderno delle ricette che ti segue ovunque tu vada. Entrateci e preparatevi a non uscirvi senza aver preso almeno 3 kili.

cucina

Cosa rappresenta per te la cucina?
Un mondo parallelo. Quando entro in cucina (e a casa mia, entri, e sei già in cucina…) il tempo non esiste, a parte quello delle cotture e marinate! Il tempo si ferma e andrei avanti così fino a svuotare il frigo e il ripostiglio. Cucinare è un po’ come fare magia, ma anche uno stato d’animo, non a caso le torte più soffici e buone sono quelle cucinate con allegria e amore!
C’e sempre stata un’ alchimia tra me e i fornelli, direi da sempre, grazie a quella “santa” donna di mia mamma che mi ha sempre lasciato trafficare con lei in cucina, basta che mettevo il grembiule!

Se fossi un piatto quale saresti?
Facile, una truita de pages (frittata campagnola)
Proprio con questa ricetta ho vinto il terzo posto nel contest “se fosse…” di Jul’s kitchen!
Sì, sarei proprio lei… un’esplosione di colore idee e sapore, ma per niente sofisticata, anzi, semplice e alla mano!

L’utensile irrinunciabile?
Un mestolo di legno e tante risate, tutto sarà più buono!

Il segreto della nonna?
Tanta pazienza, tanto amore e un po’ di cioccolato nello stufato!

I tre ingredienti del potere sono…
Creatività, credetemi, senza questa non si va lontano…
Cioccolato, la nonna sapeva il perché…
e la curcuma tutta colore e salute!

In cucina si può rinunciare a tutto tranne…
A un kilo d”intuizione, un pizzico di rischio e un filo d’olio, extra vergine di oliva però!

Internet e cucina si sposano come quali ingredienti?
Come le mandorle e lo zucchero. Come il pomodoro e il basilico.
Potrei dire che oggi sono quasi inseparabili.
Chi, in questi tempi, non cerca su internet una ricetta di un dolce tipico, più tosto che una zuppa assaggiato non so dove…
Non ci sono più segreti, c’è voglia di condividere, di provare e gustare cose nuove che meglio che in cucina?!

Oggi mi sento al gusto di…
Un frullato di mela verde e finocchio… magari con un pizzico di zenzero e una spruzzata di limone?…. Fa troppo caldo!

scrivi la ricetta che più ti rappresenta…
Non mi smentisco, e anche se le polpette di ceci e curcuma sono una mia debolezza, la truita de pages è proprio come me…

La Truita de Pages
(Frittata campagnola)

Ingredienti:
1 melanzana
1 carciofo (cuore)
3 patate medie (pelate)
3 zucchine
3 carote (pelate)
7 pomodorini
1/2 peperone rosso
1/2 peperone verde
1/2 peperone giallo
1/2 cipolla dorata
9 uova
olio extra vergine
sale

Lavare e tagliare tutte le verdure a dadini. In una padella con dell’olio volente versare per prima la cipolla, la carota e i peperoni,
quando la cipolla comincia ad essere trasparente e i peperoni si ammollano buttare il resto degli ortaggi, condire di sale.
Mentre cuociono battere le uova con un pizzico di sale in un recipiente capiente. Versarci le verdure una volta cotte tenendo cura di non versarci anche l’olio.
Amalgamare e versare di nuovo nella padella. Quando è cotta da una parte, utilizare un piato per girarla* e cuocerla da l’altra parte.

*(Con questo sistema del “girare la frittata” ho sviluppato due polsi di ferro!)


blog-colori dellacurcuma
intervista-blog-cucina

Convidi questo articolo

L'Autore
Privalia

Privalia

E voi, cosa ne pensate?