Articoli

Cucinare con il tacco 12 – Pupille gustative

scritto da Privalia (30 marzo 2011)

Sbocciamo come i fiori a primavera e troviamo l’occasione per presentare una nuova amica dal web che combatte la sua vita a colpi di mestolo e cucchiaio. Chiara ci racconta e si racconta tra una torta paradiso e una zuppa agli asparagi. Il suo blog, le pupille gustative, è ispirante e molto invitante, consigliata la visione a stomaco pieno!

ricetta

Non saprei dire cosa è la cucina per me. Perchè per me cucinare fa parte delle emozioni della mia vita e le emozioni non trovano mai la giusta corrispondenza nelle parole. Credo che esistano delle strade che non possono essere altrimenti, come un fil rouge che è già scritto alla nascita, e il mio è nell’alchimia delle materie che cambiano forma e colore, si fondono e si compenetrano e diventano Amore sotto forma di pietanze. Il mio primo piatto è stata una frittata all’età di 7 anni: ho detto a mia madre che volevo farla da sola e che volevo anche le mie padelle e un piccolo frigo perchè da quel momento in poi avrei cucinato per me stessa. Le mie amiche leggevano Poochie, Topolino, La Pimpa, Il corriere dei piccoli, mentre io sdraiata per terra prendevo intere pile di ricettari di casa  e li sfogliavo con attenzione mettendo voti alle pietanze e commenti alle ricette. Guai a strapparmeli di mano, era la cosa che più mi piaceva fare.  Avevo un hobby: la pasta di sale. E cosa creare con questo impasto? Finte crostatine, finte tortine, finti biscotti che una volta cotti coloravo con le tempere. La storia non avrebbe potuto raccontare nulla di diverso da quello che poi è stato: tre anni fa mi sono licenziata dall’agenzia di pubblicità in cui lavoravo (dove mi volevano fare un contratto a tempo indeterminato) per intraprendere alla cieca la carriera della food stylist.
Il viaggio è stato lungo e anche molto difficile, le rinunce e la fatica sono state superate solo grazie alla grande passione e alla determinazione che da sempre mi caratterizzano. Oggi mi occupo di food a 360 gradi,
e la cosa che mi piace più fare è andare a letto la sera, chiudere gli occhi e  prendere sonno pensando alle ricette che preparerò il giorno successivo per le persone che amo, sperimentando nuove magie tra i fornelli. Ultima nota particolare: nel tempo libero amo fare illustrazioni di ricette illustrate, e un paio sono anche state pubblicate da un importante sito dedicato americano!

Il piatto che ho scelto da proporvi sono ravioli ripieni di brigante & asparagina selvatica.

Gli impasti sono il mio grande amore, adoro i lievitati, le pizze, le focacce e amo alla follia i ravioli, ma solo quelli fatti in casa. I trucchi per una perfetta riuscita sono pochi, se si seguono vi posso assicurare un risultato fantastico.

ravioli

Per 4 persone circa:
200 grammi di farina
2 uova
sale
un cucchiaio di olio

un uovo
una patata grossa
250 grammi di pecorino brigante
un mazzetto di asparagina selvatica
70 grammi di ricotta
sale & pepe nero
mentuccia fresca
parmigiano reggiano
burro

Si fa una fontana con la farina, si pratica un foro al centro e vi si mettono le uova, sale e un goccio di olio. Si impasta il tutto energicamente e si fa una palla che si lascia riposare coperta da pellicola alimentare per un’oretta. Questo la renderà molto più facile da stendere e da lavorare. Preparate la farcia: sbollentate una patata grossa, schiacchiatela e mischiatela a generoso brigante grattugiato fine, menta, sale, pepe, parmigiano, due cucchiai di ricotta vaccina (o anche di pecora) fino ad ottenere un composto omogeneo. Stendete la pasta con il mattarello o la macchina in una sfoglia sottilissima: adagiate dei cucchiai di farcia distanziandoli di almeno 3 o 4 cm tra di loro, poi spennellate la pasta con l’uovo sbattuto in corrispondenza del secondo foglio di pasta che andrete ad adagiarvi sopra. Questo vi permetterà di sigillare benissimo i ravioli in modo che non si aprano in cottura. FAte aderire perfettamente il secondo foglio di pasta sul primo e con una rotella tagliate i ravioli a forma quadrata. Preparate il condimento: fate bsbollentarel’asparagina in acqua salata, tagliatela a tocchetti e ripassatela in padella con generoso burro fuso e mentuccia fresca: cuocete i ravioli in acqua bollente poi versateli nella padella e amalgamate. Spolverate con pepe grattugiato grossolanamente e abbondante pecorino sardo grattugiato. Una favola dal sapore primaverile.

Convidi questo articolo

L'Autore
Privalia

Privalia

E voi, cosa ne pensate?