Articoli

Cucinare con il tacco 12 – Claudia ha trovato pane per i suoi denti

scritto da Arianna di Privalia (2 Marzo 2011)

Ecco un’altra blogger che a Privalia è molto affezionata e che noi consideriamo ormai un’amica oltre che una bravissima cuoca e un’ottima fotografa. Il suo nome è Claudia Castaldi, magari qualcuno di voi ha letto la sua intervista proprio in questo blog. Oggi torna a raccontarci la sua cucina e ci illumina con una ricetta semplice e dal sapore tradizionale.

claudia-castaldi

Cos’è la cucina per te?

Difficile da spiegare… Fare il pane rappresenta forse racchiude il mio credo culinario.

Come una strega che gira il mestolo nel pentolone per vedere il futuro, interrogando l’oracolo, io faccio il pane. Mi concentra, mi rilassa. Impastare, piegare, ripiegare. Raccolgo le forze e faccio chiarezza, filtro i pensieri, le idee se ne vanno a posto ordinatamente nel cassettino giusto, rassetto e riordino la mente. Meglio di un sudoku da mangiare.

Ma perchè proprio il pane??

A volte non c’è un motivo, non è che si deve sempre spiegare tutto. Ci sono cose dirette, che si capiscono al volo.

Immediate. Come il pane appunto. Beh, facile.  Alzi la mano a chi non piace il pane. Così semplice, essenziale ma di sostanza, facile da apprezzare. Poi farlo bene, è tutta un’altra storia. Mica riesce a tutti. Dopo mesi e mesi di strenuo allenamento, forse ho trovato il pane per i miei denti. Informazioni rubate, interviste surreali ed estemporanee a panettieri che mi guardavano sbalorditi, mentre sbirciando cercavo di cogliere il segreto effimero del loro panificare… una vera e propria redenzione il panificare.

Impasti, attendi, inforni, aspetti.

Il profumo sale.
Aspetti.

Ma questo odore di pane e lo scricchiolare della crosta e delle briciole, pur essendo inebriante, non stordisce e rende leggeri come quello del cioccolato o dei dolci, anzi. Ti mette coi piedi bene in terra, ti schiarisce le idee e la testa, ti da la forza atavica di una ritualità del passato.

Ricetta:

il pane

Convidi questo articolo

L'Autore
Arianna di Privalia

Arianna di Privalia

E voi, cosa ne pensate?