Moda

Due Chiacchiere con Ms. Bunbury

scritto da Arianna di Privalia (19 aprile 2010)

Ok ormai lo avete capito che sono una Web Addicted, e che male c’è se navigando nella rete incontri personaggi davvero brillanti?
Ho pensato di portarvi con me nel meraviglioso mondo dei Blog…
“ Teatime da Ms. Bunbury” ,è stato un amore a prima vista, per questo ho deciso di presentarlo a tutti voi!!!
Prendetevi 3 minuti del vostro prezioso tempo per rilassarvi un po’: tè alla mano e cotanto di pasticcini, Ms. Bunbury è pronta a raccontarsi!

Perché il nome “Teatime da Ms. Bunbery” ?

Il titolo racchiude in un’espressione tanti motivi.. L’ora del tè rappresenta un po’ il momento in cui ti trovi con chi stai bene e ti rilassi chiacchierando del più e del meno e questo è ciò che mi propongo con il blog: chiacchieriamo insieme degli argomenti che più ci stanno a cuore, in amicizia e rilassatezza. Ms. Bunbury è il mio alter ego, è la mia via di fuga dalla realtà di tutti i giorni. Un po’ come Mr. Bunbury lo era per il protagonista de “L’importanza di chiamarsi Ernesto” di Wilde. È da lì che viene il nome.

CHi è Ms. Bunbury?

E’ il mio alter ego, ma mi somiglia tantissimo. Diversamente da me però, è libera dai freni della routine giornaliera, passa il tempo a scovare le ultime novità, fare shopping e dettare sentenze, si crede una stilosa trend setter e non teme giudizi. Ciò che le invidio di più è che, cascasse il mondo, lei alle 16.30 ogni giorno, si prende il suo tè! ;-)

…e chi è Marta?

32 anni, 20 camicie bianche nel cassetto, 9 ore di lavoro al giorno, 4 di palestra la settimana, 2 città (Bologna e Lecco), 1 casa, 1 marito. Divoratrice di libri, patologicamente shopaholic, permalosa, perfezionista, un po’ nevrotica, però simpatica.

In Italia, se dico blog dico…

Stando alle classifiche ufficiali quello di Beppe Grillo. È sempre in testa, ma non posso dir di più perchè non lo seguo. Frizzifrizzi.it, scritto a più mani, è molto attento alle ultime tendenze del mondo, della moda, del design, spesso scova eventi molto interessanti. Io poi sono affezionata ai blog di Sioux (www.si-oux.com), Cecile (larmadiodeldelitto.blogspot.com), BaiLing (www.bailing.splinder.com), fashion blogger con una marcia in più.
Sbilanciati, dai un consiglio a chi inizia ora…

Se ci credi veramente, se hai un’idea forte in testa, metticela tutta! Non arrenderti se le visite si fanno attendere, non farti intimidire…Nel web c’e’ posto per tutti
La tua web-routine mattiniera inizia da…

A volte già mentre aspetto il caffé ancora assonnata in pigiama do una sbirciatina ai blog che seguo col mio ormai inseparabile netbook; altrimenti, se sono più di corsa del solito, rimando tutto a quando arrivo in ufficio: apro la mia posta e controllo eventuali nuovi commenti ai post. Secondo passo, dalla mia bacheca vado a vedere se i blogger che seguo hanno prodotto qualcosa di nuovo.

Cosa non deve mancare nella postazione da blogger?

Il mio netbook, color blu notte. In effetti comodissimo anche per il post “da divano”. E poi la macchina fotografica (o a volte il cellulare) da cui scarico le ultime foto da postare. Ah…una mug, per gustare una tisana mentre pianifico mentalmente i contenuti. Ultimamente trovo mi ispiri molto la Cinnamon Spice. ;-)
Cosa non può assolutamente mancare nel guardaroba di una vera fashion blogger?

Paradossalmente non possono mancare i capi classici, quelli che poi ti permettono, mescolati con intelligenza a qualche must have delle ultime collezioni, di essere sempre chic: una camicia bianca, magari di sartoria, un bel paio di jeans, t-shirt bianche a go go, un paio di ballerine nere ed un paio di stiletto, un maglioncino in una tinta pastello, in cachemere se d’inverno o in misto seta se estivo.

Bianco o Nero?

Nero, snellisce un sacco.
Fai tu una domanda ad Arianna di Privalia…

Cara Arianna, verresti a prendere un tè da Ms. Bunbury?

Grazie Marta, ci vengo al volo a prendere un tè da Ms. Bunbury anche se in realtà tu non lo sai ma io ho bevuto numerosi tè in tua compagnia!
LOVE
Ari.

Convidi questo articolo

L'Autore
Arianna di Privalia

Arianna di Privalia

E voi, cosa ne pensate?