Articoli

Esperanza

scritto da Arianna di Privalia (5 novembre 2010)

Mi chiamo Jose, ho 34 anni ed ho passato gran parte del mio tempo a lavorare. Ho sempre pensato che la vita fosse molto più di questo.  Il nostro è un mondo globale ed è nostra la responsabilità di migliorarlo. Da sempre convivo con questa consapevolezza però, fino a questa estate, non avevo mai fatto nulla.

Non è mai troppo tardi… per iniziare.

La mia occasione è arrivata questa primavera quando Arianna mi  ha parlato di Amka. Il progetto mi ha appassionato fin da subito.

Amka è una ONG di piccole dimensioni ma dalle enormi speranze, idee e buona volontà.  Un gruppo di persone, di belle persone, che ogni giorno prova passo dopo passo a rendere il mondo un posto migliore. Facile da dire non altrettanto facile da fare!

Con Amka lavoriamo per garantire i tre grandi pilastri dello sviluppo sociale: educazione, salute ed economia.  Progetto che Amka porta avanti non solo in Congo, ma anche in Guatemala.

Non ero mai stato in Africa e conoscevo molto poco del Congo. Ora, dopo due intense settimane a Lubumbashi ( la seconda città più grande del Paese) posso dire di conoscerlo un po’ meglio. Ecco qui qualche dato: il Congo ha 65 milioni di abitanti, la speranza di  vita è di 55 anni,  il 5% della popolazione ha contratto il virus dell’ HIV, il 50% non ha accesso all’acqua potabile e il 20% non ha la possibilità di usufruire dell’ assistenza medica, solo il 15%  della popolazione vive in condizioni di vita accettabili… Un paese decisamente duro. Sfortunatamente non meno duro di molti altri paesi del mondo!

Quello che è davvero incredibile è che, nonostante tutto, si respira un clima di allegria e di speranza in attesa di un futuro migliore proprio grazie ai progetti di sviluppo sostenibile. Ci sono persone buone. C’è speranza.

Nelle prossime settimane mi piacerebbe condividere con voi la mia intensa seppur breve esperienza in Africa. Spero di appassionarvi nello stesso modo in cui mi sono appassionato io. Spero di suscitare la voglia di collaborazione… la stessa che è nata in me. Il cammino non è facile però, non ho dubbi: c’è davvero speranza per un Congo migliore. Per un mondo migliore.

Convidi questo articolo

L'Autore
Arianna di Privalia

Arianna di Privalia

E voi, cosa ne pensate?