Moda

Privalia va al Pitti: racconti da Firenze

scritto da Privalia (16 giugno 2011)

Caldo torrido, quelle temperature che ti fanno ingerire litri d’acqua nemmeno fossi un cammello e ti obbligano a indossare gli occhiali da sole solo per non far vedere il trucco colato. Questo non è il Pitti, ma il clima che di solito circonda una delle più importanti manifestazioni di moda italiane e internazionali.

pitti-firenze

Al mio terzo anno posso dire che l’innovazione stilistica ha tirato un po’ il freno, ma bisogna ammettere che lo street style e l’atmosfera che svolazza intorno agli stend è carica di tendenza e “futurismo”. Non esageriamo quando vi parliamo del Pitti come una delle vasche con i pesci meglio vestiti dell’acquario. Trovi uomini impeccabili e donne stravaganti, una passerella di borse di panno e di plastica passeggia da un padiglione all’altro carica di giornali e di comunicati stampa. L’allestimento non ci ha troppo emozionato a parte il più che attrattivo muro specchiato all’ingresso della fiera. Qualcosa manca e qualcosa emoziona. Questo secondo noi è il Pitti. Un concentrato di stile che fa fatica a rinnovarsi, ma che rimane ogni anno perfetto nella sua classicità. Continueremo ad andare a Firenze e a raccontarvelo.

pitti-moda
fiera-firenze
pitti-firenze

Convidi questo articolo

L'Autore
Privalia

Privalia

E voi, cosa ne pensate?