Articoli

Privalia full of food: la scomparsa delle botteghe

25 Gennaio 2012

Capita così di rado di incrociare una vecchia bottega che quando ne scopri una ne rimani davvero affascinato. Purtroppo negli anni del “futurismo” e delle grandi costruzioni/demolizioni la tradizione sta lentamente scomparendo. I negozi storici perdono il loro potere sommersi sotto al cemento e lentamente chiudono i battenti tra le lacrime di chi ne aveva fatto una seconda casa.

Sono davvero convinta che le botteghe dovrebbero essere considerate dei patrimoni storici al pari dei musei e delle ville antiche. Dico questo perchè Milano, la città definita grigia, ogni tanto regala queste perle di retrò e  quando succede noto che per me (come per molti)  è sempre una gioia posare lo sguardo su qualcosa che ha quel sapore di antico e accogliente. Certi negozietti, sparsi per il mondo, conservano il sapore della storia, certi luoghi sono la descrizione di quello che ti raccontavano i tuoi nonni e rasserenano il cuore nella frenesia dei giorni moderni. Se anche voi sei dei nostalgici di quello che è stato consiglio un libro davvero eccezionale: “Store Front: The Disappearing Face of New York”. I fotografi James e Karla Murray hanno speso diversi anni nella realizzazione di questo splendido progetto fotografico dedicato alle vecchie vetrine di New York e non puoi che restare impressionato da quello chesparisce senza far rumore, ma lascia un vuoto che ti rende triste.

dedicato a chi ama l’architettura romantica

privalia-botteghe

The Disappearing Face of New York

Convidi questo articolo