Articoli

Perchè Sanremo è Sanremo

scritto da Privalia (15 febbraio 2012)

E’ ripartito Sanremo tra gli applausi e le critiche. Mancava la valletta, le votazioni non hanno funzionato e l’intervento di Celentano (costato alla rai la bellezza di 750 mila euro) è stato lungo e noioso. Il festival della canzone italiana, che piaccia o no, è comunque un appuntamento importante per la nostra nazione ed è corretto parlarne.

Ci ricorda che proveniamo da una terra di cantautori, che forse hanno rovinato l’avanguardia artistica e l’innovazione musicale, ma hanno di certo lasciato testi che ancora oggi riempono la mente e il cuore di bei pensieri. Ovviamente però,  Sanremo non è solo musica, l’Ariston ospita uno spettacolo anche dal punto di vista della moda. Ogni anno, bellissimi abiti, scendono le scale del palco in tutto il loro splendore, si fanno ammirare difronte agli occhi brillanti del pubblico e scivolano sotto le note delle numerose canzoni. Oggi vogliimo commentare con voi alcune delle scelte stilistiche che abbiamo visto ieri e chiedervi chi è stato il peggiore? Aspettiamo impressioni e notizie.

Arisa

Emma Marrone

Loredana Bertè Gigi D’Alessio

Silvia Mezzanotte

Convidi questo articolo

L'Autore
Privalia

Privalia

E voi, cosa ne pensate?