Articoli

Sugababes – Ace Reject

scritto da Arianna di Privalia (26 luglio 2010)

Con la canzone di questa settimana facciamo un salto a metà del decennio appena trascorso.

Il pop regnava ancora sovrano nelle classifiche di mezza europa, e si avevano pochi, sporadici accenni di quella che sarebbe stata l’impostazione musicale di ora. Era il 2005, e la seconda formazione del gruppo inglese delle Sugababes (formata all’epoca da Heidi Range, Mutya Buena e Keisha Buchanan) pubblicava il suo quarto studio album dal titolo “Taller In More Ways”.

Provenienti da una buon successo sul territorio italiano grazie a canzoni come “round round”, “hole in the head” e “push the button” che sicuramente ricorderete, il trio ha forse patito la sorte degli estenuanti cambi di componenti all’interno del gruppo che hanno segnato un calo vertiginoso di vendite degli album successivi a questo (alcuni anche non pubblicati in italia) probabilmente dovuto al cambiamento del loro sound, da un pop con venature RnB a una elettro-dance sperimentale.

Il brano che vi consiglio di ascoltare si chiama “Ace Reject”, una canzone mid-tempo che porta le firme di un team di autori/produttori inglesi a cui sono particolarmente legato, e di cui vi parlerò sicuramente in futuro, gli Xenomania.

La canzone porta il segno atipico e distintivo degli Xenomania (il primo vero ritornello si può sentire attorno al lontano minuto 2.00) e nelle strofe e nei bridge precedenti si possono sentire le voci delle Sugababes del periodo in cui erano forse più vocalmente “educate” e meno soggette a voler strafare …come in altri loro pezzi.

Su base elettronica le Sugababes parlano dei comportamenti altalenanti e anormali di due persone innamorate, ma incapaci di realizzare e mantenere stabile il loro amore.

Tra le metafore di una partita a carte e le sorprendenti variazioni ritmiche del brano, vi suggerisco di iniziare così questa ultima settimana di Luglio, perdendovi nel sintetizzatore che solo questa fantastica canzone made in Uk può darvi.

Convidi questo articolo

L'Autore
Arianna di Privalia

Arianna di Privalia

E voi, cosa ne pensate?